Giuseppe Lorentini

L'ozio coatto

Storia sociale del campo di concentramento fascista di Casoli (1940-1944)

pp. 163

€ 14,00

isbn 9788869481291

Il libro

"Io sempre vissi dal lavoro e non posso più sopportare l'ozio coatto dell'internamento". Casoli, 22 settembre 1942.

Casoli, cittadina abruzzese in provincia di Chieti, si erge arroccata su una collina alla destra del fiume Aventino ai piedi del massiccio della Maiella. Nell'aprile del 1940 fu scelta dal ministero dell'Interno per allestirvi una struttura per internare "ebrei stranieri"; questa divenne un campo fascista attivo dal 9 luglio 1940. Nei primi giorni di maggio del 1942, gli internati ebrei vennero trasferiti nel campo di Campagna (Salerno) e a Casoli arrivarono gli "internati politici", per la maggior parte civili "ex jugoslavi" originari delle terre di occupazione italiana in Jugoslavia. 

Analizzando i fascicoli personali di quasi tutti gli internati, conservati presso l'Archivio storico comunale di Casoli, e confrontandosi con la storiografia e le fonti relative al periodo, Lorentini ripercorre la storia del campo facendo emergere il profilo dei prigionieri, le loro biografie, la vita quotidiana, le pratiche della comunicazione, il rapporto con la comunità cittadina, ma anche i problemi amministrativi e organizzativi riguardanti la sua gestione. La ricerca storica del campo di Casoli ci restituisce, come in un'istantanea, una pagina finora oscura dell'internamento civile fascista come spazio delle pratiche della politica razziale e di repressione operata dal regime, come laboratorio del razzismo fascista a livello locale.


Una breve introduzione al contesto storico

Queste diapositive sono state realizzate e curate dal Prof. Antonio Spinelli del "Centro Studi sull'Internamento e la Deportazione dei Civili in Epoca Fascista Marina Eskenasi": http://www.dalrifugioallinganno.it/

PDF SCARICABILE

http://digital-library.cdec.it/cdec-web/viewer/cdecxDamsHist026/IT-CDEC-ST0026 000048#page/1/mode/1up

"Elenco dei campi di concentramento esistenti in Italia durante la guerra" istituiti con decreto del 4 settembre 1940 e pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. 239 dell'11 ottobre trasmesso dal Ministero dell'Interno all'Unione delle comunità israelitiche italiane (UCII) di Roma.

Origine e sviluppo del sistema concentrazionario fascista

Di Sante, Costantino, Origine e sviluppo del sistema concentrazionario fascista, in Lucchi, Olga, (a cura di), Dall’internamento alla libertà. Il campo di concentramento di Colfiorito, Atti del convegno di studi Foligno, palazzo Trinci, 4 novembre 2003, Editoriale Umbra, Foligno, 2004, pp. 12-23. LINK: http://www.deportati.it/static/pdf/libri/colfiorito.pdf

Costantino Di Sante, Dall’internamento alla deportazione. I campi di concentramento in Abruzzo (1940-1944).

Cosa furono questi campi fascisti? Alcune riflessioni di Giuseppe Perri tratte dal suo libro "Stato d'eccezione" pubblicato nel 2013

Il vuoto giuridico in cui agirono i governi nel corso del secondo conflitto mondiale, per l’assenza di Convenzioni internazionali in materia, va tenuto in debito conto in sede di giudizio storico dell’internamento di civili e di una valutazione sul piano del diritto delle norme di applicazione; esso gioca certamente in favore dei governi e della legittimità delle loro decisioni. Non bisogna però tralasciare eventuali illegittimità nel diritto interno oppure abusi e decisioni che contrastino con norme cogenti di diritto internazionale, quelle stesse che hanno poi portato alla creazione del tribunale di Norimberga.

In un lavoro che ha impostato una tassonomia scientifica dei campi di concentramento novecenteschi, Joël Kotek e Pierre Rigoulot hanno introdotto un indice del fenomeno assai utile. In primo luogo occorre ben distinguere i campi dalle prigioni, poiché queste ultime sono riservate a persone condannate o in attesa di giudizio con l’accusa di aver commesso dei reati. I campi sono invece luoghi di reclusione paradossali, un istituto tipicamente novecentesco dedicato agli innocenti, cioè a persone che non hanno commesso crimini o che addirittura non possono commetterne. Una reclusione che definirei ontica, comminata per il solo fatto d’esistere.

leggi di più 0 Commenti

Estratto dall'articolo di: Nicola Palombaro, Centinaia di oppositori ebrei, slavi e zingari finirono poi nei lager. Il fascismo organizzò in Italia ben 43 campi di internamento, in Patria Indipendente, numero 1 del 2012, p.10, p. 13.

URL:<http://www.anpi.it/patria-indipendente/2012/1>                                                                                    PDF SCARICABILE

Nicola Palombaro, in Patria Indipendente, n. 1,  2012, p. 10
Nicola Palombaro, in Patria Indipendente, n. 1, 2012, p. 10
Nicola Palombaro, in Patria Indipendente, n. 1,  2012, p. 13
Nicola Palombaro, in Patria Indipendente, n. 1, 2012, p. 13

Elenco campi di concentramento fascisti (1940-1943)

Fonte: http://www.storiaememorie.it/villaoliveto/SchedeLuoghiMemoria/Internamento.htm#Scheda

Elenco ebrei internati in campi e località della provincia di Chieti

Fonte: http://campifascisti.it/scheda_documento_full.php?id_doc=927

ITS Digitales Archiv

Schreiben der Quästur Chieti, 11.04.1956, Namenslisten über Italien, meist jüd. Häftlinge, versch. Nationalitäten, 1.1.14.1, 459523-459536, ITS Digitales Archiv

Alcuni internati del Campo di concentramento di Casoli furono trasferiti in internamento libero, tra gli altri, nel comune di Guardiagrele (Ch)

Liberazione degli internati della Provincia di Chieti

Fonte: http://campifascisti.it/scheda_documento_full.php?id_doc=3275

Archivio Centrale dello Stato

Ministero dell'Interno, Direzione Generale Pubblica Sicurezza, Divisione Affari Generali e Riservati. Archivio generale, Ufficio internati (1939-1945), A/C e A/I, ariani in campi di concentramento e in località di internamento 1940-1945, Busta 77, Fascicolo 2249 (Fracasso Gaspare di Pietro) 

Note generali sulla storia dei campi di concentramento

Conoscere i Lager: introduzione generale

Storia del Campo di concentramento di Casoli

Ricerca in corso. Fine dei lavori prevista per dicembre 2019.

Alcune foto di Casoli per gentile concessione del fotografo Giovanni Di Prinzio

1. Locale sottostante il vecchio Municipio di Casoli, in Via Mezzogiorno (nel 1940), precedentemente adibito a scuola di avviamento. Ospitò all'incirca 30 internati.

2. Locale di proprietà dell'allora Avvocato Vincenzo Tilli sito in Via Fiore, capienza 100 posti, gli internati ospitati furono successivamente trasferiti al locale n.3 perché le stanze erano umide e malsane.

3. Locale sito sempre in Via Fiore, anch'esso di proprietà dell'Avvocato Vincenzo Tilli, usato precedentemente come sala polivalente (spettacoli teatrali, cinema, feste), ospitò circa 50 internati trasferitisi dal locale n.2.

Cfr. Vincenzo Rossetti, Storia di Casoli. Documentazione e approfondimenti, Comune di Casoli, 2014, p. 222.


"ACS, Ministero dell'Interno, Direzione Generale Pubblica Sicurezza, Divisione Affari Generali e Riservati, Massime, b. 118, fasc. 16, s.fasc. 2"

 AVVERTENZA: La riproduzione dei documenti è vietata senza autorizzazione. Per la condivisione citare la fonte www.campocasoli.org 

SOSTIENI IL PROGETTO

Documentiamo e ricerchiamo affinché non si dimentichi la memoria degli Internati civili del Campo di Casoli 1940-1944.

In collaborazione con

Il progetto di ricerca e documentazione on line sulla storia del Campo di  concentramento di Casoli 1940-1944 www.campocasoli.org è senza fini di lucro, ideato, realizzato, sostenuto e curato da Giuseppe Lorentini

I documenti del fondo dell'Archivio storico del Comune di Casoli relativi al Campo di concentramento fascista di Casoli sono riprodotti su questo sito in foto facsimilare su concessione del Comune di Casoli, Deliberazione di  G.C. n. 2 del 19.01.2017. 

www.campocasoli.org è il solo responsabile di questa pubblicazione e si declina ogni responsabilità sull’uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute.

Avvertenza: i materiali tutelati dalla legge sul diritto d'autore o concessi a www.campocasoli.org dagli aventi diritto non possono essere riprodotti senza previa autorizzazione. Si invita a rispettare i principi e le direttive stabilite dal Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi storici (provvedimento n. 8-P-2001 del Garante per la protezione dei dati personali) e dal Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”.  Inoltre si fa presente che i documenti raccolti in questo sito non possono essere utilizzati in contesti che possano recare pregiudizio al prestigio e al decoro del Comune di Casoli e dei suoi cittadini, ovvero ai diritti di terzi. Nel caso in cui dall'utilizzo, dalla diffusione ovvero dalla pubblicazione di tali documenti derivi pregiudizio ai suddetti diritti, si esonera da qualsiasi responsabilità il sito www.campocasoli.org. Si informa che l'eventuale pubblicazione o riproduzione integrale di tali documenti da parte di terzi è soggetta a previa autorizzazione e subordinatamente alla citazione della fonte (segnatura archivistica). La condivisione  tramite i social network è autorizzata purché si citi sempre la fonte del sito  www.campocasoli.org.

 

    

© RIPRODUZIONE  DEI DOCUMENTI VIETATA

CON QUALSIASI MEZZO SENZA AUTORIZZAZIONE

Licenza Creative Commons
I testi pubblicati sul sito www.campocasoli.org - Documenti e storia del Campo di concentramento di Casoli 1940-1944 di Giuseppe Lorentini sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere richiesti a info@campocasoli.org.

CON IL SOSTEGNO DI

CON IL PATROCINIO DI:

 

COMUNE DI CASOLI 


Privacy Policy
Cookie Policy