Documenti, fascicoli personali, lettere, testimonianze

Benvenuti nella sezione DOCUMENTI del sito campocasoli.org.

 

In questa sezione del sito si accede all'archivio digitale open access di 4.462[1] documenti riprodotti in foto facsimilare. Si tratta delle CARTE conservate presso l'Archivio storico del Comune di Casoli nel seguente fondo, CAT XV "Sicurezza pubblica e polizia amministrativa", contenuti in 4 Buste e suddivisi in 215 fascicoli come segue: 


CAT. XV, Classe VII, Internati: fascicoli personali (A-Z), Buste 2-4, Fasc. 24-227.

CAT. XV, Classe VII, Pagamento indennità varie agli internati, Busta 5, Fasc. 228.

CAT. XV, Classe VII, Elenco internati ai quali non risultano pagati la quota loro spettante di 3 Lire al giorno, Busta 5, Fasc. 229.

CAT. XV, Classe VII, "Campo di concentramento" di Casoli: atti relativi, Busta 5, Fasc. 230-233.

 

All'interno della pagina DOCUMENTI si trovano le 4 sottopagine contenenti i fascicoli personali degli Internati, elencati in ordine alfabetico e corredati dalla segnatura archivistica (nome, cognome e paternità dell'internato, n. Busta e n. Fascicolo). Per visualizzare i fascicoli clicca su:

 

Fascicoli 24-58

 

Fascicoli 59-84

 

Fascicoli 85-117

 

Fascicoli 118-145

 

Fascicoli 146-180

 

Fascicoli 181-206

 

Fascicoli 207-233

 

Una pagina a parte è dedicata alle LETTERE E TESTIMONIANZE, nella quale sono riportate la corrispondenza postale di alcuni internati (lettere, richieste, reclami, istanze, memorie) nonché, dove possibile, testimonianze sulla vita quotidiana nel campo. La maggior parte di questi documenti è essa stessa contenuta nei fascicoli personali del fondo archivistico del Comune di Casoli, diversamente sarà sempre indicata la fonte. Si è preferito creare una pagina specifica sull'argomento, in continuo aggiornamento, per agevolare la consultazione. Si tratta di documenti di notevole importanza per la storia sociale, delle condizioni di vita quotidiana nel campo, dei problemi, delle richieste, degli affetti, dello stato di salute. Sono testimonianze scritte che raccontano vicende di uomini spesso disumanizzati, pagine emozionanti, drammatiche per il contesto storico in cui esse vanno inserite, ossia la guerra, la politica razziale e l'internamento civile fascista. 

 

Inoltre, si ringrazia l'Archivio storico Comunità ebraica di Trieste per la concessione della riproduzione dei documenti riguardanti il "Comitato Italiano di Assistenza agli emigrati Ebrei di Trieste" che si trovano digitalizzati al seguente link.

 

Non resta che augurare una buona navigazione e consultazione di tali documenti, ricordando di rispettare sempre le regole deontologiche per il trattamento dei dati personali e si declina ogni responsabilità sull’uso che potrà essere fatto delle informazioni in essi contenuti.

 

La condivisione è autorizzata purché si citi sempre la fonte del sito www.campocasoli.org.

 

Per le citazioni dei documenti contenuti nei fascicoli personali pubblicati in questo archivio digitale, all'interno di lavori di tesi di laurea, dottorato e pubblicazioni scientifiche, si consiglia di utilizzare il seguente modello di indicazione sitografica:

 

LORENTINI, Giuseppe (a cura di), Documenti e storia del campo di concentramento di Casoli 1940-1944, 

URL: <http://www.campocasoli.org/documenti>, indicare Busta n., Fascicolo n., [consultato il inserire data di consultazione].  

 

Giuseppe Lorentini

 

[1] Cifra aggiornata il 02.03.2017. I fascicoli sono in totale 215 e riguardano soltanto quelli dell'Archivio storico del comune di Casoli. Le altre centinaia di documenti caricati sul portale non sono conteggiate in quella cifra.

 

 

Fondo: Archivio Storico Comunale

1566-1965

registri 388, volumi 11, fascicoli 1396 (condizionati in 103 buste), fascicoli 9

sede: Municipio

“Sezione separata d’archivio” istituita con del. G. M. n.52 del 06.03.2000 (art. 30 D.P.R. n.1409/63).

 

Cenni di storia

Nel 1804 il Giustiniani così scriveva: “Casoli terra in Abruzzo Citra, in diocesi di Chieti, dalla quale città è distante miglia 8 e 14 dall’Adriatico. Dalla Maiella poi, non più che 6. E’ situata sopra di un monte, essendoci buon aria ed un ameno e ridente orizzonte”.(Giustiniani Lorenzo, Dizionario Geografico ragionato del Regno di Napoli, Napoli 1804).

L’antico agglomerato urbano, di impianto medievale circonda le mura del Palazzo ducale probabilmente costruito dagli Orsini intorno alla metà del sec. XV. Il territorio di Casoli, che nel 1453 apparteneva al contado di Manoppello, fu dato a Bartolomeo di Alviano per ribellione degli Orsini e nel 1514 fu concesso ai Colonna. Da questi ultimi Casoli passò in proprietà ai Carafa, a Pirro Antonio Crispano, ai Filarmino, ai D’Aquino nel 1797 e da questi, nel 1868, a Domenicantonio Di Benedetto. Il Palazzo ducale fu venduto, nel 1982, dai Masciantonio al Comune di Casoli.

 

Storia dell’archivio

Nel 1993 l’archivio comunale giaceva in un miserevole stato di abbandono e disordine che, solo in parte, fu sanato attraverso un intervento di sistemazione condotto da impiegati comunali.

Tra il 1999 e il 2001 si è provveduto a riordinare l’archivio che risultava ubicato in tre stanze nel piano seminterrato del palazzo municipale. Il materiale storico e di deposito coesisteva negli stessi spazi in stato di notevole disordine, in parte accatastato sul pavimento e lungo le pareti. Si è proceduto ad una sistematica separazione dell’archivio storico dal deposito, ad uno scarto sommario di gazzette e riviste e alla riorganizzazione complessiva della documentazione.

La schedatura ha evidenziato la quasi totale assenza di classificazione sui carteggi e, in casi sporadici, buste e fascicolii  recavano una classificazione per categorie accompagnate qualche volta dalla classe. Pertanto, l’archivio è stato riorganizzato ed inventariato “ex novo”, utilizzando il titolario di classificazione per gli archivi comunali.

Nell’anno 2000 è stato redatto un inventario sommario organizzato in una prima sezione che descrive il carteggio amministrativo e in una seconda che descrive le serie dei registri. Per ogni livello descrittivo (fondo, serie, unità) sono stati indicati gli elementi fondamentali e definiti indispensabili, in particolare: denominazione o titolo, estremi cronologici, consistenza e contenuto.

 

Contenuto

L’archivio storico data agli inizi del secolo XX fino al 1960; della restante documentazione pre e post unitaria rimangono scarse testimonianze superstiti databili tra il XVII ed il XIX secolo. La ridotta consistenza della documentazione più antica è da attribuire a fattori di natura diversa: guerra, incendi dolosi, ma soprattutto traslochi d’archivio da una sede all’altra che hanno contribuito alla dispersione di carte preziose della municipalità casolana. Solo di recente, durante i lavori di riordino, sono venuti alla luce pochi ma significativi documenti, certamente quanto rimane di un consistente archivio pre e post unitario municipale andato ormai distrutto e disperso. Importante testimonianza, in tal senso, ci è data dalla pubblicazione del “Liber Decretorum Huius Universitatis Terre Casularum”, una raccolta di quaranta documenti di natura giuridico amministrativa redatti in forma di  copie notarili, talvolta autenticate, dal 1546 al 1711 a cura dello studioso locale Nicola Fiorentino. E’ lo stesso Fiorentino a lamentare la totale assenza dei decreti originali dall’archivio comunale in passato “tenuto nel più deplorevole stato di abbandono”. Notizie sull’esistenza di materiale d’archivio conservato e raccolto da un collezionista privato sono evidenziate nella  “Guida  al centro antico e al territorio”, Ed. Tinari, 1992. Le relazioni delle visite ispettive compiute dalla Sovrintendenza Archivistica confermano le consistenti perdite di documenti di questo archivio. Sono stati, inoltre, rinvenuti atti di pertinenza statale, ossia quattro volumi di "Obligationes penes acta” della Corte baronale di Casoli, datati tra il 1688 e il 1805, ora confluiti nell’Archivio di Stato di Chieti.

Durante i lavori di riordinamento non sono stati rinvenuti i protocolli della corrispondenza. Nel carteggio amministrativo si segnala la presenza di circa 400 fascicoli personali di internati politici, ebrei e perseguitati dal regime, molti dei quali provenienti dal campo di concentramento di Corropoli (Te); infatti con la chiusura di quel campo, moltissimi internati vennero destinati al campo di concentramento di Casoli che funzionò fino al 1943.

 

Fondi collegati

L’archivio comunale di Casoli conserva due volumi appartenenti a congreghe e cappelle laicali:
Opere Pie, cappelle laicali, congreghe

1633-1794

Voll. 2

 

Caratteristiche materiali

L’archivio storico è conservato in una stanza del seminterrato del palazzo municipale. Lo stato di conservazione delle carte presenti nel fondo è discreto.

Durante l’intervento di ordinamento si è provveduto alla rimozione di elastici e fermagli metallici, nonché di buste e camicie deteriorate. 

 

Accesso alla consultazione

La consultazione è autorizzata previa richiesta al Sindaco o dirigente di settore, secondo le normative vigenti. Presso la sede comunale è disponibile alla consultazione l’inventario cartaceo.

 

Soggetto produttore

Comune di Casoli

 

www.comune.casoli.ch.it

PER ACCEDERE ALLA SCHEDATURA DEGLI INTERNATI: CLICCA QUI

Avvertenza: i materiali tutelati dalla legge sul diritto d'autore o concessi a www.campocasoli.org dagli aventi diritto non possono essere riprodotti senza previa autorizzazione. Si invita a rispettare i principi e le direttive stabilite dal Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi storici (provvedimento n. 8-P-2001 del Garante per la protezione dei dati personali) e dal Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”.  Inoltre si fa presente che i documenti raccolti in questo sito non possono essere utilizzati in contesti che possano recare pregiudizio al prestigio e al decoro del Comune di Casoli e dei suoi cittadini, ovvero ai diritti di terzi. Nel caso in cui dall'utilizzo, dalla diffusione ovvero dalla pubblicazione di tali documenti derivi pregiudizio ai suddetti diritti, si esonera da qualsiasi responsabilità il sito www.campocasoli.org. Si informa che l'eventuale pubblicazione o riproduzione integrale di tali documenti da parte di terzi è soggetta a previa autorizzazione e subordinatamente alla citazione della fonte (segnatura archivistica). La condivisione  tramite i social network è autorizzata purché si citi sempre la fonte del sito  www.campocasoli.org.

AGGIORNAMENTO 05.12.2017

Il 2 agosto 2017 il Senato ha definitivamente approvato la Legge annuale per il mercato e la concorrenza (n. 124/2017), che, tra le altre cose, modifica l’art. 108 del Codice dei Beni Culturali, sancendo la liberalizzazione delle riproduzioni digitali con mezzo proprio in biblioteche e archivi pubblici per finalità culturali (art. 1, c. 171). 

A seguito della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (http://www.gazzettaufficiale.it/…/originario;jsessionid=yvp…), le nuove norme sono entrate direttamente in vigore martedì 29 agosto 2017. Si sottolinea inoltre che sarà consentito non solo effettuare liberamente riproduzioni di beni archivistici e bibliografici, ma che tali riproduzioni potranno essere altrettanto liberamente divulgate e condivise con qualsiasi mezzo per finalità diverse dal lucro, e dunque non solo per “ragioni di studio” o “personali” come avveniva sinora per gli scatti autorizzati con mezzo proprio. Per ulteriori informazioni si rimanda alla pagina facebook Fotografie libere per i Beni Culturali.

 

Per questo motivo è stata creata sul sito campocasoli.org una sottopagina dedicata ai documenti relativi al Campo di concentramento di Casoli provenienti dall'ACS di Roma, sotto la segnatura archivistica: "ACS, Ministero dell'Interno, Direzione Generale Pubblica Sicurezza, Divisione Affari Generali e Riservati, Massime, b. 118, fasc. 16, s.fasc. 2": DOCUMENTI ACS

Regolamento del campo di concentramento di Casoli

AVVERTENZA: La riproduzione dei documenti è vietata senza autorizzazione. Per la condivisione citare la fonte www.campocasoli.org 

SOSTIENI IL PROGETTO

Sostieni il progetto di ricerca

e documentazione sul campo di concentramento fascista di Casoli anche con un piccolo

contributo economico.

In collaborazione con

Il progetto di ricerca e documentazione on line sulla storia del Campo di  concentramento di Casoli 1940-1944 www.campocasoli.org è senza fini di lucro, ideato, realizzato, sostenuto e curato da Giuseppe Lorentini

I documenti del fondo dell'Archivio storico del Comune di Casoli relativi al Campo di concentramento fascista di Casoli sono riprodotti su questo sito in foto facsimilare su concessione del Comune di Casoli, Deliberazione di  G.C. n. 2 del 19.01.2017. 

www.campocasoli.org è il solo responsabile di questa pubblicazione e si declina ogni responsabilità sull’uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute.

Avvertenza: i materiali tutelati dalla legge sul diritto d'autore o concessi a www.campocasoli.org dagli aventi diritto non possono essere riprodotti senza previa autorizzazione. Si invita a rispettare i principi e le direttive stabilite dal Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi storici (provvedimento n. 8-P-2001 del Garante per la protezione dei dati personali) e dal Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”. Inoltre si fa presente che i documenti raccolti in questo sito non possono essere utilizzati in contesti che possano recare pregiudizio al prestigio e al decoro del Comune di Casoli e dei suoi cittadini, ovvero ai diritti di terzi. Nel caso in cui dall'utilizzo, dalla diffusione ovvero dalla pubblicazione di tali documenti derivi pregiudizio ai suddetti diritti, si esonera da qualsiasi responsabilità il sito www.campocasoli.org. Si informa che l'eventuale pubblicazione o riproduzione integrale di tali documenti da parte di terzi è soggetta a previa autorizzazione e subordinatamente alla citazione della fonte (segnatura archivistica). La condivisione  tramite i social network è autorizzata purché si citi sempre la fonte del sito  www.campocasoli.org.

 

    

© RIPRODUZIONE  DEI DOCUMENTI VIETATA

CON QUALSIASI MEZZO SENZA AUTORIZZAZIONE

Licenza Creative Commons
I testi pubblicati sul sito www.campocasoli.org - Documenti e storia del Campo di concentramento di Casoli 1940-1944 di Giuseppe Lorentini sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere richiesti a info@campocasoli.org.

CAMPOCASOLI.ORG COLLABORA CON

EHRI – European Holocaust Research Infrastructur – nell'ambito del progetto

Micro-archivi e EHRI 

micro-archives@ehri-project.eu

CON IL PATROCINIO DI:

 

COMUNE DI CASOLI 


Privacy Policy
Cookie Policy