La storia indimenticabile di un'ebrea. "Dietro il sipario" dell'internata numero 6. Il nuovo libro di Gianni Orecchioni

Gianni Orecchioni

DIETRO IL SIPARIO

Maria Eisenstein e l’invenzione del diario

Prefazione di Dacia Maraini

 

Carabba, Lanciano 2020, € 14,00

ISBN 9788863445909

 

Recensione

 

Il libro appena uscito di Gianni Orecchioni dal titolo Dietro il sipario (Carabba, Lanciano 2020) sul libro e la vita di Maria Eisenstein, appare ed è l'introduzione all'Internata numero 6 (prima edizione De Luigi Editore, Roma 1944), analizzata in piena libertà.

Libertà di lettura critica del testo e ricerca libera e approfondita del contesto. Un bellissimo prologo per il libro della Eisenstein. Orecchioni, esperto da sempre di ricerca storica con particolare riferimento al campo di concentramento fascista femminile di Lanciano, pone le basi per una lettura integrale e complessa del libro della Eisenstein.

La copertina della prima edizione del 1944.
La copertina della prima edizione del 1944.

Un libro-monumento che non è solo autobiografico, storico, ma opera d'arte letteraria, come una sceneggiatura da teatro.

Orecchioni indirizza sinteticamente ad una lettura vasta, interessante, completa dell'opera L'internata numero 6, avvalendosi della ricerca di Carlo Spartaco Capogreco (I campi del Duce, Einaudi, Torino 2004) e definendola "un inno alla libertà di rara bellezza". Libertà nella pluralità di senso, da quello umano-individuale a quello artistico-letterario. In sintesi una guida per la lettura e per una conoscenza più approfondita del libro e dell'autrice.

Il libro di Orecchioni si conclude con una Appendice "nuova e interessante": la descrizione biografica delle singole donne internate a Villa Sorge (sede del campo di Lanciano). Un panorama che accompagna la vita e la storia della Eisenstein. Un quadro di donne nella sofferenza e nella devastazione della dignità femminile. Orecchioni ne aveva già trattato nel libro I sassi e le ombre. Storie di internamento e di confino nell’Italia fascista. Lanciano 1940-1943 (Edizioni di Storia e Letteratura, Roma 2006) altrettanto importante quanto questo.

Maria Ludwika Moldauer (Archivio privato Carlo Spartaco Capogreco)
Maria Ludwika Moldauer (Archivio privato Carlo Spartaco Capogreco)

Un lavoro, il suo, profondamente vissuto da anni e realizzato come "un affamato di storia, un mangiatore di uomini (anche se in questo caso di donne)", per usare le parole di Jacques Le Goff su Marc Bloch, l'autore di Apologia della storia, ebreo, ucciso dai nazisti il 16 giugno 1944.

Sia Capogreco che Orecchioni hanno sempre sottolineato l'importanza e la necessità di far conoscere e leggere, nella scuola, il libro della Eisenstein come quello di Primo Levi Se questo è un uomo. Due libri indimenticabili.

 

Mario Setta

Presentazione del libro "Dietro il sipario" di Gianni Orecchioni - VIDEO

Villa Sorge, Lanciano (CH), sede del campo di concentramento fascista dal 1940 al 1943.
Villa Sorge, Lanciano (CH), sede del campo di concentramento fascista dal 1940 al 1943.

Scrivi commento

Commenti: 0

SOSTIENI IL PROGETTO

Sostieni il progetto di ricerca

e documentazione sul campo di concentramento fascista di Casoli anche con un piccolo

contributo economico.

In collaborazione con

Il progetto di ricerca e documentazione on line sulla storia del Campo di  concentramento di Casoli 1940-1944 www.campocasoli.org è senza fini di lucro, ideato, realizzato, sostenuto e curato da Giuseppe Lorentini

I documenti del fondo dell'Archivio storico del Comune di Casoli relativi al Campo di concentramento fascista di Casoli sono riprodotti su questo sito in foto facsimilare su concessione del Comune di Casoli, Deliberazione di  G.C. n. 2 del 19.01.2017. 

www.campocasoli.org è il solo responsabile di questa pubblicazione e si declina ogni responsabilità sull’uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute.

Avvertenza: i materiali tutelati dalla legge sul diritto d'autore o concessi a www.campocasoli.org dagli aventi diritto non possono essere riprodotti senza previa autorizzazione. Si invita a rispettare i principi e le direttive stabilite dal Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi storici (provvedimento n. 8-P-2001 del Garante per la protezione dei dati personali) e dal Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”. Inoltre si fa presente che i documenti raccolti in questo sito non possono essere utilizzati in contesti che possano recare pregiudizio al prestigio e al decoro del Comune di Casoli e dei suoi cittadini, ovvero ai diritti di terzi. Nel caso in cui dall'utilizzo, dalla diffusione ovvero dalla pubblicazione di tali documenti derivi pregiudizio ai suddetti diritti, si esonera da qualsiasi responsabilità il sito www.campocasoli.org. Si informa che l'eventuale pubblicazione o riproduzione integrale di tali documenti da parte di terzi è soggetta a previa autorizzazione e subordinatamente alla citazione della fonte (segnatura archivistica). La condivisione  tramite i social network è autorizzata purché si citi sempre la fonte del sito  www.campocasoli.org.

 

    

© RIPRODUZIONE  DEI DOCUMENTI VIETATA

CON QUALSIASI MEZZO SENZA AUTORIZZAZIONE

Licenza Creative Commons
I testi pubblicati sul sito www.campocasoli.org - Documenti e storia del Campo di concentramento di Casoli 1940-1944 di Giuseppe Lorentini sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere richiesti a info@campocasoli.org.

CON IL SOSTEGNO DI

CON IL PATROCINIO DI:

 

COMUNE DI CASOLI 


Privacy Policy
Cookie Policy