MARCIA DELLA PACE – THE SANGRO RIVER CROSSING: OTTIMA LA PRIMA.

Giornata intensa, di forte coinvolgimento emotivo e di grande valenza culturale, è stata quella vissuta il 25 aprile a Sant’Eusanio del Sangro (CH) e organizzata per celebrare degnamente il 77° anniversario della Liberazione dell’Italia con la I edizione della “Marcia della Pace – The Sangro River Crossing”. L’idea progettuale elaborata a tempo di record da Giuseppe Lorentini (Università degli studi del Molise e curatore del Centro di Documentazione on-line www.campocasoli.org), Vittore Verratti (Università degli studi “G. D’Annunzio di Chieti-Pescara), Francesco Di Cintio (IGBG Accredited Battlefield Guide) e sottoposta a rigorosa ricognizione preventiva sul campo per verificarne la fattibilità, è stata accolta con entusiasmo dalla locale Associazione Pro-Loco 2.0 di Sant’Eusanio del Sangro che ha fornito notevole contributo logistico ed organizzativo ed ha ottenuto il patrocinio e collaborazione dell’Amministrazione Comunale.

Alle ore 10, in Piazza Cesare de Titta, concluse le operazioni di iscrizione e la distribuzione gratuita di gadget e materiale storico informativo, c’è stato il saluto istituzionale del vicesindaco Gianluca Cappellone e del consigliere Felice di Battista che hanno sviluppato riflessioni sul significato storico della ricorrenza e sul valore inalienabile della Pace; si è quindi proceduto allo scoprimento di una suggestiva targa in alluminio ideata da Giuseppe Lorentini a ricordo dell’evento ed a conferma della volontà di rendere ciclica la manifestazione. Subito dopo oltre 100 partecipanti si sono incamminati per dare inizio alla I edizione del Battlefield Tour, una visita guidata lungo il tracciato in disuso della Ferrovia Adriatico-Sangritana percorso dal 25° Battaglione neozelandese nel corso della operazione Encroach a fine novembre 1943.

Durante lo svolgimento della Marcia, supportata da un efficiente servizio d’ordine e dalla puntuale assistenza di autoambulanza e personale infermieristico, sono state effettuate soste in alcuni punti sedi di scontri durante il periodo bellico, per ricordare le fasi salienti dell’assalto neozelandese alle postazioni tedesche dislocate a difesa della linea Castel Frentano – Crocetta – Guardiagrele. La competenza, la passione, l’empatia dei relatori Francesco Di Cintio e Umberto Nasuti (Presidente dell’Archeoclub Lanciano) hanno trasmesso conoscenza, emozioni e spunti di riflessione al nutrito stuolo di partecipanti mostratisi particolarmente interessati.

Giunti alla Stazione di Crocetta, la Marcia si è conclusa con un saluto di Francesco Di Cintio e con la declamazione bilingue di un pensiero di Piero Calamandrei a cura dell’attore Ics Borea e di Jason Hales, dirigente della Pro-Loco 2.0 e in rappresentanza della comunità inglese qui residente. Un puntuale servizio di navetta ha ricondotto in paese la comitiva che ha consumato in compagnia il pranzo al sacco nelle adiacenze della palestra comunale.

Alle ore 16,30, nell’Aula Magna del polo scolastico, ha avuto inizio la parte convegnistica della manifestazione. È stato proiettato il documentario “Red Devils: The Untold Story of the Para in Italy”, scritto da Francesco Di Cintio, diretto da Giuseppe Schettino e prodotto da Anna Paolini e Marielisa Serone della Peperonitto Media, rivelatosi di forte impatto emotivo per la suggestione e la drammaticità delle testimonianze riportate.

A seguire il pubblico, attento e coinvolto, ha assistito alla presentazione del volume “Le Bande Partigiane lungo la Linea Gustav. Abruzzo e Molise nelle carte del Ricompart” di Fabrizio Nocera (Università degli Studi del Molise); i colti interventi dei relatori Francesco Di Cintio e Umberto Nasuti, come pure i contributi e le sollecitazioni provenienti dal pubblico, sono stati elegantemente coordinati da Giuseppe Lorentini.

Grande successo, dunque, per la I edizione della Marcia della Pace – The Sangro River Crossing a Sant’Eusanio del Sangro. Merito di una meticolosa e competente organizzazione, di una grande sinergia, di un sano e disinteressato entusiasmo, del prezioso sostegno del mondo accademico e associazionistico, tutti ingredienti che lasciano ben sperare in più ambiziosi sviluppi per le edizioni a venire.

Pietro Verratti

 


Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Umberto Nasuti (mercoledì, 27 aprile 2022 06:52)

    Bellissima esperienza

SOSTIENI IL PROGETTO

Sostieni il progetto di ricerca

e documentazione sul campo di concentramento fascista di Casoli anche con un piccolo

contributo economico.

In collaborazione con

Il progetto di ricerca e documentazione on line sulla storia del Campo di  concentramento di Casoli 1940-1944 www.campocasoli.org è senza fini di lucro, ideato, realizzato, sostenuto e curato da Giuseppe Lorentini

I documenti del fondo dell'Archivio storico del Comune di Casoli relativi al Campo di concentramento fascista di Casoli sono riprodotti su questo sito in foto facsimilare su concessione del Comune di Casoli, Deliberazione di  G.C. n. 2 del 19.01.2017. 

www.campocasoli.org è il solo responsabile di questa pubblicazione e si declina ogni responsabilità sull’uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute.

Avvertenza: i materiali tutelati dalla legge sul diritto d'autore o concessi a www.campocasoli.org dagli aventi diritto non possono essere riprodotti senza previa autorizzazione. Si invita a rispettare i principi e le direttive stabilite dal Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi storici (provvedimento n. 8-P-2001 del Garante per la protezione dei dati personali) e dal Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”. Inoltre si fa presente che i documenti raccolti in questo sito non possono essere utilizzati in contesti che possano recare pregiudizio al prestigio e al decoro del Comune di Casoli e dei suoi cittadini, ovvero ai diritti di terzi. Nel caso in cui dall'utilizzo, dalla diffusione ovvero dalla pubblicazione di tali documenti derivi pregiudizio ai suddetti diritti, si esonera da qualsiasi responsabilità il sito www.campocasoli.org. Si informa che l'eventuale pubblicazione o riproduzione integrale di tali documenti da parte di terzi è soggetta a previa autorizzazione e subordinatamente alla citazione della fonte (segnatura archivistica). La condivisione  tramite i social network è autorizzata purché si citi sempre la fonte del sito  www.campocasoli.org.

 

    

© RIPRODUZIONE  DEI DOCUMENTI VIETATA

CON QUALSIASI MEZZO SENZA AUTORIZZAZIONE

Licenza Creative Commons
I testi pubblicati sul sito www.campocasoli.org - Documenti e storia del Campo di concentramento di Casoli 1940-1944 di Giuseppe Lorentini sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere richiesti a info@campocasoli.org.

CAMPOCASOLI.ORG COLLABORA CON

EHRI – European Holocaust Research Infrastructur – nell'ambito del progetto

Micro-archivi e EHRI 

micro-archives@ehri-project.eu

CON IL PATROCINIO DI:

 

COMUNE DI CASOLI 


Privacy Policy
Cookie Policy