La triste lettera del 31 dicembre 1942 dal campo fascista di Casoli

Nel campo fascista di Casoli non mancarono episodi di disordine interno dovuto alla disomogeneità sociale, politica, religiosa e linguistica che caratterizzava il gruppo di “internati politici” giunti dal campo di Corropoli il 5 maggio 1942.

In taluni casi il direttore preferì isolare gli “elementi” disturbatori nelle locali carceri mandatarie. In una lettera del direttore del cam­po si legge relativamente ad uno di questi casi che «vennero svolte opportune indagini facendolo isolare. Dietro nostra pressione tutto venne sistemato». Una testimonianza di questo tipo di trattamento è riportata in una lettera di implorazione al direttore, scritta da un internato la notte del 31 dicembre del 1942 nelle carceri mandatarie di Casoli dove fu abbandonato al freddo, senza ricambio di indumenti e senza coperte:

Egregio Signor direttore,

sono coatto rivolgermi a Voi e scrivo colle mani tremanti di freddo.

Prego di acconsentirmi almeno il minimo di poter oggi, sotto qualunque sorveglianza, cambiare la biancheria personale, prender dalla mia valigia le indumenta occorrenti a proteggermi contro il freddo, e lavarmi; di più di poter portare meco nel carcere una coperta di lana, per evitare di tremare tutta la notte. E non si potrebbe sollecitare il mio trasferimento?

Mi rivolgo a Voi a nome di certe massime di ordine, dell’anzianità ed un po’ anche di giustizia e dell’umanità, non essendo di nulla colpevole e prego di gradire in questa occasione l’espressione di mia gratitudine, di miei ossequi e di auguri pel l’anno novello.

Distintamente

F./to. Knaflić    

A scrivere questa lettera fu un avvocato sloveno che non riusciva a comprendere il motivo del suo internamento e che, in data 7 luglio 1942, chiedeva al Ministero dell’Interno una licenza per recarsi a Lubiana perché la sua unica figlia «in questi giorni ha da fare l’esame di maturità eppoi dobbiamo parlare del futuro, dei studi di Lettere a Firenze se possibile». Soltanto il 13 novembre, arrivò, per mezzo del Questore, la risposta del Ministero dell’Interno; in essa si comunicava che la sua domanda «non è stata accolta». Preso dallo sconforto, l’avvocato cercò di introdursi, il 20 dicembre, nei locali del municipio di Casoli fuori dagli orari d’ufficio, molto probabilmente per rubare dei “fogli di via”. Fu sorpreso e venne rinchiuso, il giorno stesso, nelle locali carceri mandatarie come misura precauzionale. Il direttore, nella sua relazione precisava, inoltre, che egli è «pericoloso comunista» e «si rende indispensabile il suo trasferimento in isola». Il 9 febbraio 1943 venne trasferito all’isola di Ponza.

 

Fascicolo di  Knaflić Vladimiro fu Giacomo (1941-43) Busta 3, Fasc. 101

Scrivi commento

Commenti: 0

SOSTIENI IL PROGETTO

Documentiamo e ricerchiamo affinché non si dimentichi la memoria degli Internati civili del Campo di Casoli 1940-1944.

In collaborazione con

Il progetto di ricerca e documentazione on line sulla storia del Campo di  concentramento di Casoli 1940-1944 www.campocasoli.org è senza fini di lucro, ideato, realizzato, sostenuto e curato da Giuseppe Lorentini

I documenti del fondo dell'Archivio storico del Comune di Casoli relativi al Campo di concentramento fascista di Casoli sono riprodotti su questo sito in foto facsimilare su concessione del Comune di Casoli, Deliberazione di  G.C. n. 2 del 19.01.2017. 

www.campocasoli.org è il solo responsabile di questa pubblicazione e si declina ogni responsabilità sull’uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute.

Avvertenza: i materiali tutelati dalla legge sul diritto d'autore o concessi a www.campocasoli.org dagli aventi diritto non possono essere riprodotti senza previa autorizzazione. Si invita a rispettare i principi e le direttive stabilite dal Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi storici (provvedimento n. 8-P-2001 del Garante per la protezione dei dati personali) e dal Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”.  Inoltre si fa presente che i documenti raccolti in questo sito non possono essere utilizzati in contesti che possano recare pregiudizio al prestigio e al decoro del Comune di Casoli e dei suoi cittadini, ovvero ai diritti di terzi. Nel caso in cui dall'utilizzo, dalla diffusione ovvero dalla pubblicazione di tali documenti derivi pregiudizio ai suddetti diritti, si esonera da qualsiasi responsabilità il sito www.campocasoli.org. Si informa che l'eventuale pubblicazione o riproduzione integrale di tali documenti da parte di terzi è soggetta a previa autorizzazione e subordinatamente alla citazione della fonte (segnatura archivistica). La condivisione  tramite i social network è autorizzata purché si citi sempre la fonte del sito  www.campocasoli.org.

 

    

© RIPRODUZIONE  DEI DOCUMENTI VIETATA

CON QUALSIASI MEZZO SENZA AUTORIZZAZIONE

Licenza Creative Commons
I testi pubblicati sul sito www.campocasoli.org - Documenti e storia del Campo di concentramento di Casoli 1940-1944 di Giuseppe Lorentini sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere richiesti a info@campocasoli.org.

CON IL SOSTEGNO DI

CON IL PATROCINIO DI:

 

COMUNE DI CASOLI 

Provincia di Chieti


Privacy Policy
Cookie Policy