Giornata antifascista: deposizione di una coroncina di fiori davanti il Luogo della Memoria del Campo di Concentramento di Casoli

In occasione della giornata antifascista di oggi 27 maggio, anche l’ANPI di Casoli ha organizzato un evento per dire “Basta con i fascismi”, nell’ambito di “Un'iniziativa unica nel suo genere che segna un ulteriore e importante passo in avanti della nostra Associazione sul fronte del contrasto giuridico, sociale e culturale ai fascismi", parole con le quali Carlo Smuraglia, Presidente nazionale ANPI, ha lanciato la Giornata antifascista che si è svolta in tutta Italia sabato 27 maggio. Come si legge sul sito nazionale dell’ANPI, si tratta di “una iniziativa che intende costruire nel Paese una diffusa coscienza nazionale sul problema dell'intensificarsi del fenomeno e della minaccia neofascista in Italia e nel mondo, dei razzismi, della xenofobia e sulla necessità, quindi, di una piena attuazione dei principi e dei valori della Costituzione nata dalla Resistenza. In Italia, in particolare, assistiamo a sempre più diffuse manifestazioni di apologia del fascismo, come il recente raduno al Cimitero maggiore di Milano in onore dei repubblichini di Salò, che sembrano non avere adeguate risposte e attenzione da parte delle istituzioni e della politica. Ancora più grave è l'impatto sulle giovani generazioni delle dimostrazioni di forza e odio che imperversano in modo particolarmente preoccupante nel web: su Facebook, secondo l'inchiesta del quindicinale dell'ANPI sono 500 le pagine apologetiche del fascismo e del razzismo.”

Alle ore 15:30, davanti il Luogo della Memoria del Campo di Concentramento di Casoli (1940-1943), in Via G. Borrelli 14, la presidente dell’ANPI di Casoli, Piera Della Morgia e il sindaco Massimo Tiberini hanno depositato una coroncina di fiori di garofano e alloro come simbolo di Memoria e ricordo di quanti hanno sofferto in quel luogo. Una cerimonia che ha raccolto un piccolo pubblico attento e partecipativo. Un gesto simbolico contro tutte le barbarie, non solo passate, ma anche presenti e future. La presidente dell'Anpi di Casoli ha esordito ricordando l’importanza di difendere i valori della Resistenza e dell’antifascismo che sono le basi della nostra Costituzione. Un impegno che non deve essere solo simbolico e cerimoniale, ma deve essere partecipativo e quotidiano, che faccia leva sulla conoscenza della storia e lotti contro la mistificazione, la banalizzazione, il revisionismo ideologico. 

Commuovente è stata la lettura di una delle tante lettere del Campo di Casoli, in modo particolare, quella di un internato che fu messo in carcere e isolato dagli altri internati politici "ex jugoslavi". Quelle parole, scritte con una mano tremante dal freddo di un 31 dicembre del 1942, rievocano la barbarie che il regime durante il ventennio perpetuò su numerosi civili accusati di essere anti-fascisti, stranieri, ebrei, indesiderabili.

La cerimonia è proseguita al Sacrario della Brigata Maiella di Taranta Peligna, dove hanno partecipato anche le classi quinte dell'Istituto Tecnico Economico e del Liceo Scientifico dell’Algeri Marino di Casoli, accompagnati dai loro insegnanti con la preside Costanza Cavaliere.

Scrivi commento

Commenti: 0

SOSTIENI IL PROGETTO

Documentiamo e ricerchiamo affinché non si dimentichi la memoria degli Internati civili del Campo di Casoli 1940-1944.

Il progetto di ricerca e documentazione on line sulla Storia del Campo di Concentramento di Casoli 1940-1944 www.campocasoli.org è senza fini di lucro, ideato, realizzato, sostenuto e curato da Giuseppe Lorentini

I documenti del fondo dell'Archivio storico del Comune di Casoli relativi al Campo di Concentramento sono riprodotti su questo sito in foto facsimilare su concessione del Comune di Casoli, Deliberazione di  G.C. n. 2 del 19.01.2017. www.campocasoli.org è il solo responsabile di questa pubblicazione e si declina ogni responsabilità sull’uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute.

Avvertenza: i materiali tutelati dalla legge sul diritto d'autore o concessi a www.campocasoli.org dagli aventi diritto non possono essere riprodotti senza previa autorizzazione.  Si invita a rispettare i principi e le direttive stabilite dal Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi storici (provvedimento n. 8-P-2001 del Garante per la protezione dei dati personali) e dal Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”.  Inoltre si fa presente che i documenti raccolti in questo sito non possono essere utilizzati in contesti che possano recare pregiudizio al prestigio e al decoro del Comune di Casoli e dei suoi cittadini, ovvero ai diritti di terzi. Nel caso in cui dall'utilizzo, dalla diffusione ovvero dalla pubblicazione di tali documenti derivi pregiudizio ai suddetti diritti, si esonera da qualsiasi responsabilità il sito www.campocasoli.org. Si informa che l'eventuale pubblicazione o riproduzione integrale di tali documenti da parte di terzi è soggetta a previa autorizzazione e subordinatamente alla citazione della fonte (segnatura archivistica). La condivisione è autorizzata purché si citi sempre la fonte del sito  www.campocasoli.org.

    

RIPRODUZIONE  DEI DOCUMENTI VIETATA

CON QUALSIASI MEZZO SENZA AUTORIZZAZIONE

Licenza Creative Commons
I testi pubblicati sul sito www.campocasoli.org - Documenti e Storia del Campo di concentramento di Casoli 1940-1944 di Giuseppe Lorentini sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere richiesti a info@campocasoli.org.

CON IL PATROCINIO DI

CON IL PATROCINIO DI:

 

COMUNE DI CASOLI 

Provincia di Chieti

In collaborazione con