Presentazione del libro "Il Tribunale speciale e la presidenza di Guido Cristini" di Pablo Dell'Osa, Mursia - Casoli 1 dicembre 2018, ore 17:30 - Teatro comunal

«Guido Cristini (1895-1979) è stato uno dei gerarchi più temuti dagli oppositori del fascismo. Come presidente del Tribunale di Mussolini, tra il 1928 e il 1932, ha comminato: 1725 condanne, 8806 anni di prigione, 9 sentenze di morte, tutte eseguite. Abruzzese di Guardiagrele, combattente decorato della Grande guerra, avvocato (anche difensore di Albino Volpi nel processo Matteotti di Chieti), deputato del PNF dal 1924 al 1939, faccendiere (con il principe Valerio Pignatelli pure tra i precursori di Gladio). Dopo la caduta del regime fu salvato dall'Amnistia Togliatti scatenando il "caso Cristini". Una storiaccia esemplare del Belpaese - dove tutto si dimentica e i conti con la Storia non si chiudono mai - raccontata per la prima volta». 

Il 1 dicembre a Casoli presso il Teatro comunale

a partire dalle ore 17:30

 

DIALOGHERANNO CON L'AUTORE:

 

MASSIMO TIBERINI

Sindaco di Casoli

PIERA DELLA MORGIA

Presidente ANPI "Nicola Caniglia" di Casoli

STEFANO PALLOTTA 

Presidente dell'Ordine dei giornalisti dell'Abruzzo

 

VINCITORE DEL

PREMIO GIORNALISTICO NAZIONALE

"FRANCO GIUSTOLISI - GIUSTIZIA E VERITÀ"

(SEZIONE LETTERARIA),

IV EDIZIONE, SOTTO IL PATROCINIO

DELLA PRESIDENZA DEL SENATO DELLA REPUBBLICA

 

SINOSSI 

 

«La sentenza firmata da Cristini aveva salvato l’inviolabile vita di Mussolini. C’era scritto che “attentare a Mussolini è attentare all’umanità, perché il Duce appartiene all’umanità”.»

 

Quello di Guido Cristini, presidente del Tribunale speciale dal 1928 al 1932, è stato uno dei nomi più temuti dagli oppositori del fascismo: sotto la sua presidenza le condanne sono state 1725, gli anni di prigione comminati 8806, le condanne a morte 9. Tutte eseguite. Abruzzese, combattente, avvocato, deputato, faccendiere, è stato una meteora nell’universo fascista e nel giudizio contro i gerarchi, dopo la caduta del regime, riuscì a passare indenne. Una vicenda esemplare del Belpaese dove tutto si dimentica e i conti con la Storia non si chiudono mai.

 

La storia, o meglio la storiaccia, di Guido Cristini viene raccontata per la prima volta in questo libro, ricco di documenti e di fotografie che fanno luce su una delle figure più controverse del Ventennio fascista.

 

Pablo Dell’Osa (Pescara 1976) è giornalista e scrittore. Inviato della rivista «D’Abruzzo», si occupa di cultura, interviste e personaggi dimenticati. Cura il blog #Today sulla versione online de «il Centro», il quotidiano dell’Abruzzo. Con Mursia ha pubblicato Il principe esploratore. Luigi Amedeo di Savoia duca degli Abruzzi (2010), menzione speciale al Premio Guido Polidoro.

 

Pagine 372 (testo: 356 + inserto: 1/16)

Euro 19,00

Codice 14368T

EAN 9788842551621

Acquista il libro!

Download
Scarica la locandina per la stampa!
locandina pdf stampa Casoli.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.5 MB

Scrivi commento

Commenti: 0

SOSTIENI IL PROGETTO

Documentiamo e ricerchiamo affinché non si dimentichi la memoria degli Internati civili del Campo di Casoli 1940-1944.

Il progetto di ricerca e documentazione on line sulla storia del Campo di  concentramento di Casoli 1940-1944 www.campocasoli.org è senza fini di lucro, ideato, realizzato, sostenuto e curato da Giuseppe Lorentini

I documenti del fondo dell'Archivio storico del Comune di Casoli relativi al Campo di concentramento fascista di Casoli sono riprodotti su questo sito in foto facsimilare su concessione del Comune di Casoli, Deliberazione di  G.C. n. 2 del 19.01.2017. 

www.campocasoli.org è il solo responsabile di questa pubblicazione e si declina ogni responsabilità sull’uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute.

Avvertenza: i materiali tutelati dalla legge sul diritto d'autore o concessi a www.campocasoli.org dagli aventi diritto non possono essere riprodotti senza previa autorizzazione. Si invita a rispettare i principi e le direttive stabilite dal Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi storici (provvedimento n. 8-P-2001 del Garante per la protezione dei dati personali) e dal Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”.  Inoltre si fa presente che i documenti raccolti in questo sito non possono essere utilizzati in contesti che possano recare pregiudizio al prestigio e al decoro del Comune di Casoli e dei suoi cittadini, ovvero ai diritti di terzi. Nel caso in cui dall'utilizzo, dalla diffusione ovvero dalla pubblicazione di tali documenti derivi pregiudizio ai suddetti diritti, si esonera da qualsiasi responsabilità il sito www.campocasoli.org. Si informa che l'eventuale pubblicazione o riproduzione integrale di tali documenti da parte di terzi è soggetta a previa autorizzazione e subordinatamente alla citazione della fonte (segnatura archivistica). La condivisione  tramite i social network è autorizzata purché si citi sempre la fonte del sito  www.campocasoli.org.

 

    

© RIPRODUZIONE  DEI DOCUMENTI VIETATA

CON QUALSIASI MEZZO SENZA AUTORIZZAZIONE

Licenza Creative Commons
I testi pubblicati sul sito www.campocasoli.org - Documenti e storia del Campo di concentramento di Casoli 1940-1944 di Giuseppe Lorentini sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere richiesti a info@campocasoli.org.

CON IL SOSTEGNO DI

CON IL PATROCINIO DI:

 

COMUNE DI CASOLI 

Provincia di Chieti

In collaborazione con


Privacy Policy
Cookie Policy