Ritrovati documenti relativi alle leggi razziali 1938 nell'Archivio comunale di Controguerra (TE)

Durante le ricerche condotte presso l’Archivio Storico Comunale di Controguerra ho potuto rinvenire, tra la documentazione non ancora inventariata, alcuni documenti sciolti relativi alle leggi razziali, risalenti al biennio 1938-1939. Si tratta di disposizioni della Questura, della Prefettura e degli Uffici politici di Teramo, indirizzate al Podestà di Controguerra, con cui venne data esecuzione alla richiamata normativa razziale nel torno d’anni sopra indicato.

Particolarmente rilevante è una velina delle Regia Questura di Teramo del 15 agosto 1938 (doc.1) relativa al censimento degli ebrei residenti nella Provincia. Il documento testimonia che già alcuni giorni prima dell’emanazione delle leggi razziali – i primi interventi in materia risalgono al 5 settembre 1938 – si stava procedendo alla schedatura degli ebrei italiani. In particolare, il Questore raccomandava di procedere alla rilevazione “con riservatezza assoluta e massima precisione”, avvisando che le operazioni non dovevano “dare appiglio [ad] alcun allarme trattandosi di rilevazione ad esclusivo fine di studio”. 

Seguono alcune circolari della Prefettura di Teramo che davano attuazione alla normativa razziale. Una prima del 3 ottobre 1938 (doc.2) conteneva le disposizioni per la tenuta dello “schedario per il personale dei segretari comunali”; una seconda del 29 novembre 1938 (doc.3), rubricata “Difesa della razza”, proibiva, in attesa dell’entrata in vigore del R.D. 17 novembre 1938, n.1728, la celebrazione dei matrimoni “fra persone di razza italiana e persone appartenenti ad altre razze”; similmente una terza circolare, risalente al 7 dicembre 1938 (doc.4) e con identica rubrica della precedente, dettava altre disposizioni per l’applicazione del R.D. 17 novembre 1938, n.1728; una quarta, del 3 gennaio 1939 (doc.5), rubricata “Dipendenti Enti Locali. Provvedimenti per la Difesa della Razza” regolava l’attuazione delle disposizioni del R.D. 17 novembre 1938, n. 1728, relative al licenziamento dei dipendenti di razza ebraica impiegati nelle pubbliche amministrazioni. In particolare, con questa circolare si regolava la procedura di licenziamento dei dipendenti di razza ebraica assunti presso i consorzi idrici e di bonifica e presso gli enti di assistenza per l’infanzia e beneficienza della Provincia di Teramo.

Molto importante è, poi, un’informativa del 10 settembre 1938 (doc.6), della Federazione dei Fasci di Combattimento di Teramo, indirizzata al Podestà di Controguerra, con cui veniva chiesto un chiarimento in ordine alla razza di un tesserato alla sezione locale. Questo documento testimonia ancora una volta le contraddizioni della normativa razziale italiana, che poteva arrivare a colpire perfino gli iscritti militanti al Partito Nazionale Fascista.

Da ultimo, si segnala che tra la documentazione rinvenuta è presente anche una velina delle Regia Questura di Teramo del 24 gennaio 1938 (doc.7) con cui si disponeva una intensificazione del servizio di vigilanza “sugli stranieri, sui sovversivi, sui forestieri in genere che sostano nella provincia” in occasione di un “prossimo evento di speciale importanza”. Trattasi, probabilmente, di una qualche manifestazione del regime, ma essendo stata rinvenuta insieme alla documentazione relativa alle leggi razziali è parso opportuno allegarla.

Matteo Di Natale

 

Per la riproduzione dei documenti si fa riferimento alla Delibera di G.C. n. 29 del 11.03.2021 del Comune di Controguerra.

 

Cartolina con timbro postale del 27 marzo 1941
Cartolina con timbro postale del 27 marzo 1941
Cartolina con timbro postale del 25 agosto 1943
Cartolina con timbro postale del 25 agosto 1943
Cartolina con timbro postale del 5 settembre 1934
Cartolina con timbro postale del 5 settembre 1934

 

La condivisione  tramite i social network è autorizzata purché si citi sempre la fonte del sito www.campocasoli.org.

© RIPRODUZIONE DEI DOCUMENTI VIETATA CON QUALSIASI MEZZO SENZA AUTORIZZAZIONE

 

Scrivi commento

Commenti: 0

SOSTIENI IL PROGETTO

Sostieni il progetto di ricerca

e documentazione sul campo di concentramento fascista di Casoli anche con un piccolo

contributo economico.

In collaborazione con

Il progetto di ricerca e documentazione on line sulla storia del Campo di  concentramento di Casoli 1940-1944 www.campocasoli.org è senza fini di lucro, ideato, realizzato, sostenuto e curato da Giuseppe Lorentini

I documenti del fondo dell'Archivio storico del Comune di Casoli relativi al Campo di concentramento fascista di Casoli sono riprodotti su questo sito in foto facsimilare su concessione del Comune di Casoli, Deliberazione di  G.C. n. 2 del 19.01.2017. 

www.campocasoli.org è il solo responsabile di questa pubblicazione e si declina ogni responsabilità sull’uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute.

Avvertenza: i materiali tutelati dalla legge sul diritto d'autore o concessi a www.campocasoli.org dagli aventi diritto non possono essere riprodotti senza previa autorizzazione. Si invita a rispettare i principi e le direttive stabilite dal Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi storici (provvedimento n. 8-P-2001 del Garante per la protezione dei dati personali) e dal Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”. Inoltre si fa presente che i documenti raccolti in questo sito non possono essere utilizzati in contesti che possano recare pregiudizio al prestigio e al decoro del Comune di Casoli e dei suoi cittadini, ovvero ai diritti di terzi. Nel caso in cui dall'utilizzo, dalla diffusione ovvero dalla pubblicazione di tali documenti derivi pregiudizio ai suddetti diritti, si esonera da qualsiasi responsabilità il sito www.campocasoli.org. Si informa che l'eventuale pubblicazione o riproduzione integrale di tali documenti da parte di terzi è soggetta a previa autorizzazione e subordinatamente alla citazione della fonte (segnatura archivistica). La condivisione  tramite i social network è autorizzata purché si citi sempre la fonte del sito  www.campocasoli.org.

 

    

© RIPRODUZIONE  DEI DOCUMENTI VIETATA

CON QUALSIASI MEZZO SENZA AUTORIZZAZIONE

Licenza Creative Commons
I testi pubblicati sul sito www.campocasoli.org - Documenti e storia del Campo di concentramento di Casoli 1940-1944 di Giuseppe Lorentini sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere richiesti a info@campocasoli.org.

CON IL SOSTEGNO DI

CON IL PATROCINIO DI:

 

COMUNE DI CASOLI 


Privacy Policy
Cookie Policy